domenica 26 gennaio 2014

Farsi un'idea #14

Un romanzo divertente, a tratti cinico, Argento vivo di Marco Malvaldi è stata una bella novità. Tra qualche giorno vi lascerò leggere la mia recensione. È  veramente questioni di giorni.
Mi ha colpita la trama molto strutturata e quella simultaneità dei pensieri e delle azioni che si esplicano anche a livello terminologico. 
Per farvi capire cosa intendo, ho trascritto un estratto del libro in cui la situazione ruota intorno al portatile di Giacomo, uno dei protagonisti.
Buona domenica!

Entrato nel parcheggio, aveva individuato la 206 color argento con facilità. Accostatosi alla macchina, aveva dato un'occhiata. E, dietro al sedile del guidatore, aveva una borsa nera da computer. Cercando di tremare il meno possibile, Costantino premette il bottone dell'UCG. Simultaneamente il congegno dell'auto scattò, con un rumore che gli dette l'impressione di far vibrare l'intero parcheggio.
Dopo aver aspettato due o tre secondi Costantino aprì la portiera, cacciò la mano dentro la vettura e ne tirò fuori la borsina. 
Fatto.
Per quale cavolo di motivo poi sarà tanto importante, per il Gobbo, proprio questo portatile.

- Eh no, Angelica. È proprio il portatile la cosa più importante.
- Non capisco. Ti rubano in casa, ti portano via i quadri, il televisore, ti portano via dei vini a cui tenevi come dei fi...
All'altro capo del telefono, calò il silenzio. Silenzio che Giacomo, correttamente interpretò come segnale di comprensione. Nel senso che Angelica aveva compreso, non che fosse disposta a comprendere.
- Angelica?
- Sì. Io ci sono.
- Angelica, vedi adesso che...
- Tu sembri non esserci più. Mi stai dicendo che non ne hai salvata nemmeno una copia?
Giacomo respirò a fondo, anche se non quanto avrebbe voluto. 
- No. Nemmeno una copia. 
- Quando pensavi di dirmelo?
- No, semplicemente credevo, come credo ancora, che la cosa si sarebbe risolta. Nel senso, ormai al giorno d'oggi i computer sono tracciabili...
- Almeno loro. Grazie a Dio. Visto che gli esseri umani non lo sono. Ti rendi conto, vero, che il libro è in cedola da febbraio? Che le librerie lo stanno ordinando, per non parlare della grande distribuzione? Che ha una scheda che parla diffusamente   della coinvolgente biografia di un matematico che cerca la bellezza al di là del suo essere  ? Che ha già un prezzo, ovvero diciotto euro, stabilito dal fatto che è un'edizione rilegata da trecento pagine, pagine delle quali al momento non ne abbiamo manco mezza?

Argento Vivo di Marco Malvadi, pp. 113-114

8 commenti :

  1. Uh, oddio! Frasi così brevi... è così per tutto il libro?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, non ti preoccupare, è stato un caso. Il libro è ben strutturato e la scrittura è avvolgente quanto dinamica. Malvaldi scrive bene, molto bene.

      Elimina
  2. Questo pezzo mi stuzzica molto! Attendo la recensione...tanto lo so che se lo vedo in libreria alla fine lo compro :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me è piaciuto molto. Anche secondo me, lo comprerai senza attendere la mia recensione. :P

      Elimina
  3. Marina questo libro è veramente allettante.... non vedo l'ora di leggere la tua recensione!
    Un bacione e buona serata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, Michela, è proprio così. Ho riso tantissimo leggendo questo libro.

      Elimina
  4. Ma dai, lo sto leggendo proprio in questo momento! Attenderò con curiosità la tua recensione ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che coincidenza!
      Domani pubblicherò la recensione, ma attendo anche le tue impressioni.

      Elimina

L'editore del mese: Topipittori

Questo mese si parla di storie di Natale