giovedì 7 agosto 2014

Farsi un'idea #46

Una piccola anticipazione del post di domani che riguarderà la recensione di un libro della mia amatissima Elena Ferrante, La spiaggia di notte. In queste pagine si cimentata con una fiaba narrata da una bambola perduta dopo una giornata trascorsa sulla spiaggia. La notte fa paura così come il Bagnino crudele e il Grande Rastrello. Non vi voglio anticipare nulla di più, vi lascio assaporare l'atmosfera e poi ne parleremo più approfonditamente.
Quindi, a domani con Fingerbook e per i saluti... estivi. Il blog andrà al mare un paio di settimane, in realtà già lo è ma ha deciso che vuole sostare tutto il giorno in acqua.Birichina, questa Little Miss Book.
Buona lettura!

Il Grande Rastrello ha orribili denti di ferro, lucidi per l'uso. Morde ferocemente la sabbia e avanza. 
Ho paura, mi farà male, mi romperà
Eccolo, è qui
Finisco tra i suoi denti insieme a sassolini di pietra pomice, conchiglie, noccioli di prugna e di pesca. 

Mi sento un po' ammaccata, ma sono tutta intera. Il Bagnino crudele continua a cantare con una voce che fa male al cuore: 

Strappati il naso
Siedi sul vaso
Svuota la gola
Resterai sola. 

Tutto quello che ha rastrellato finisce in un mucchio di sterpi, sabbia, fazzoletti di carta, buste e bottiglie di plastica. 
Io sono sbattuta non troppo lontano da un Cavalluccio di plastica, un Tappo di metallo, una Penna biro, lo Scarabeo che è passato qualche tempo fa scavando e ora se ne sta sul dorso e agita le zampe. 
La luce non è più rossa ma viola. La sabbia è diventata tiepida. 
Sono molto triste, e anche arrabbiata. 
Non mi piace questo gatto Minù, anzi lo odio. Ha pure un nome bruttissimo. Spero che gli venga la diarrea, il vomito e puzzi così tanto che Mati si disgusti e lo cacci via. A quest'ora dovevo aver fatto già il bagnetto insieme a lei, stare a cena con tutta la famiglia, prendere la pappa dal suo cucchiaio, un boccone a Mati e uno a me. 
Invece sto qui a pancia all'aria come questo Scarabeo e devo ascoltare questa terribile canzone del Bagnino Crudele del tramonto. 


Da La spiaggia di notte di Elena Ferrante, pp. 11-12

6 commenti :

  1. Attendo il finger book allora, che sarà golosissimo, ne sono sicura!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto! E semplice da realizzare. ;)

      Elimina
  2. Bella la mia birichina Little Miss Book

    RispondiElimina
  3. Sono in procinto di leggere "L'amica geniale". So che non mi deluderà. Prendo nota :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero che ti piaccia quanto è piaciuto a me! :)

      Elimina

L'editore del mese: Topipittori

Questo mese si parla di storie di Natale