lunedì 25 agosto 2014

Prendila così di Joan Didion


Ben ritrovati, spero che abbiate trascorso delle buone vacanze e letto molto. Il blog dopo due settimane di sole e mare (che fortuna!) è pronto a ripartire con nuove recensioni. Durante questi giorni mi sono dedicata alla lettura di autrici italiane e soprattutto straniere. Stamattina iniziamo dall'America a stelle e strisce. 

La biografia di Joan Didion è affascinante quanto dolorosa, motivo che mi ha spinta a leggere Prendila così, edito da Il Saggiatore. E credo che questo libro la sfiori, la sua vita.
La scrittura asciutta delinea dimensione e vicende che ruotano attorno, rivela l'orrido del mondo hollywoodiano e il sublime della capacità narrativa di Joan Didion. I brevi e brevissimi capitoli sono fotografie chiare e lontane.
Prendila così è un libro inaspettato, un titolo che evoca leggerezza ma con un corpo che lancia fiamme e stupore, segue lo sfavillio e il tramonto di una donna attraverso i suoi occhi.
Maria – si pronuncia Mar-ai-a, come lei stessa precisa – ci parla da una clinica psichiatrica di lusso a cose avvenute. È un'ex attrice con alle spalle due film di scarso successo, si limita a sorseggiare cocktail durante i party in piscina, trascinare una storia oramai finita con il marito Carter, dal quale divorzierà, e soffre per la malattia della figlia Kate ricoverata in una clinica privata. Maria parla anestetizzata dalle sua vicende.
La vicenda viene introdotta dalle voci di Maria, Helene e Carter per poi lasciare la parola ad un narratore esterno o è, forse, la stessa protagonista che narra con algido distacco. Talvolta la voce della donna ritorna prepotente, spiazzando il lettore per quel tono drammatico.
Davanti ai suoi occhi si susseguono terribili ricordi : si affollano intorno a lei figurine prive di spessore morale – Helene, BZ, lo stesso Carter, Les e Felicia Goodwin – rappresentano bene il clima dissoluto.. BZ è un personaggio centrale in queste pagine, è oggetto d'odio della donna perché è l'emblema di intrighi e compromessi.
La ricostruzione degli eventi è lucida e spietata. Ecco, che vediamo Maria sfrecciare e vagare senza meta sulla sua Corvette e mangiare uova sode per non distogliere l'attenzione dalla guida quando è in preda ai fantasmi; la seguiamo nelle feste organizzate da sconosciuti che la considerano solo una donna da una notte. Quell'atmosfera hollywoodiana decadente e artefatta Maria la incarna perfettamente, ne è ormai contaminata.
Dalla sperduta Silver Wells alla patinata Hollywood passando per la messinscena di Las Vegas con il deserto del Mojave a fare da contorno, il polveroso passato si accosta al presente privo di vita: Maria è il sogno tradito e fallito, quello americano, infranto ancor prima che potesse realizzarsi.
In un climax di situazioni si profila il percosso della protagonista: scelte sbagliate, aspirazioni perdute, noia, solitudine, vuoti, depressione, follia, medicinali – considerati guai ad Hollywood –, «parassiti infetti e contagiosi».
Maria osserva, rimane disgustata e tenta di scappare, rimane intrappolata nonostante il tentativo di porre fine alle sue disgrazie. Vorrebbe salvare se stessa e la figlia Kate, dare una svolta significativa alle loro vite. Maria rimane sospesa, in attesa di giudizio anche se lapidaria quanto veritiera dichiara: «Io sono quel che sono. La ricerca delle «ragioni» non mi riguarda».

Titolo: Prendila così
Autore: Joan Didion
Editore: Il Saggiatore
Pagine: 176
Anno di pubblicazione: 2014
EAN: 9788842818373
Prezzo di copertina: € 14,00
Disponibile in ebook: € 10,99

3 commenti :

  1. Marina bentrovata! Un libro interessante e intenso da quello che scrivi, non lo conoscevo ma potrebbe essere interessante leggerlo. Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per i tuoi saluti. Sono curiosa di sapere se lo leggerai...

      Elimina
  2. Bentornata!!! Parti con un libro che non conosco ma che mi pare valga la pena leggere... attendo le altre recensioni!!! :-)

    RispondiElimina

L'editore del mese: Topipittori

Questo mese si parla di storie di Natale