venerdì 12 dicembre 2014

La via del pepe di Massimo Carlotto e Alessandro Sanna


La via del pepe è un libricino bello da conservare. L'ho sfogliato in libreria con il rammarico di averlo acquistato in ebook. La copertina è cartonata, blu mare e i disegni, bellissimi, di Alessandro Sanna danno ancora più valore.
È un racconto che si legge tutto d'un fiato, ha il tono lieve delle fiabe e la tensione del pericolo che un eroe deve superare. Non credo che Carlotto abbia pensato ad un eroe, quanto piuttosto di farci riflettere sulla tragedia che ogni anno, da marzo ad ottobre, interessa il canale di Sicilia.
Il sottotitolo Finta fiaba africana per Europei benpensanti, a mio avviso, è una provocazione. È una storia che ha un lieto fine, altrimenti non sarebbe una fiaba. Pensiamo che sia necessario un lieto fine, per noi europei benpensanti abituati alla fortuna. Una fiaba, quindi, che ci mette la coscienza al sicuro per parole e pensieri inopportuni. Perché certi fatti non ci scuotono più (vedi il giro di denaro sull'immigrazione scoperto attraverso l'inchiesta Mafia Capitale), non ci offendono, ci lasciano indifferenti. Dimentichiamo troppo presto le avversità e le malefatte, ci lasciamo trascinare dalla corrente del luogo comune. Siamo intolleranti. Non accettiamo lo straniero, ma speriamo che si salvi. Così. Con un po' di fortuna.
Carlotto racchiude in poche, pochissime pagine, la sofferenza di chi accoglie e di chi viene accolto. Un'isola si sobbarca l'umiliante contrattazione della dignità umana in una narrazione di flussi antica come il mondo.
La via del pepe è la storia di Amal, un giovane che lascia la sua Africa per darsi una possibilità. È la storia di tante storie quasi sempre fatali.
L'inizio è una splendida giornata di sole, un'imbarcazione solca le acque. È una carretta del mare, gremita di migranti che ha appena lasciato le coste libiche alla volta di Lampedusa, un porto che sembra vicino. C'è speranza. C'è Amal che quella speranza se la porta in eredità nel nome e nei cinque grani di pepe che stringe tra le mani, regalo del nonno Boubcar. L'attesa si brucia presto, si affievolisce, quel tratto di mare che separa le due terre si dilata. Tutti questi disperati si accordano sullo stesso respiro.
Una donna acquatica appare ad Amal e lo circuisce con parole suadenti e spaventose. Il ragazzo si sente stanco e sconfitto, è pronto a cedere. Sarà quel prezioso regalo del nonno a dare un nuovo senso alla sua vita e dare filo da torcere alla donna misteriosa.
Al chiaro di luna il nonno sostiene con fermezza: «la legge della settima via del pepe afferma che un uomo può decidere dove vivere, mettere radici, crescere i figli, e niente e nessuno potrà impedirglielo. Tantomeno la Morte, se il viaggio serve a riparare un torto. E Amal di torti ne ha subiti molti»
Titolo: La via del pepe
Autore: Massimo Carlotto, Alessandro Sanna
Editore: e/o
Pagine: 48
Anno di pubblicazione: 2014
EAN: 9788866325574
Prezzo di copertina/ebook: € 9,50 - € 7,99

2 commenti :

  1. Non discuto la qualità perché non l'ho letto ma... 7,99 euro per un libro di 48 pagine non è un po' tantino?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io lo pensavo fino a quando non ho visto l'edizione cartacea che ha una copertina cartonata. Inoltre, c'è da aggiungere che è un libro illustrato.
      In ebook è in promozione a 3,99 € ma non ricordo fino a quando.

      Elimina

L'editore del mese: Topipittori

Questo mese si parla di storie di Natale