domenica 4 gennaio 2015

L'anno che è arrivato


Questo non è un post di bilanci (il 2014 lo trovate qui e qui), è un modo per salutare il 2015 e pensare ai prossimi 365 giorni. Prima che terminasse l'anno ho compilato una lista di libri da leggere prossimamente lunga quanto me. Ho inserito soprattutto scrittrici ed editori indipendenti senza impormelo. Da uno spunto ne sono venuti fuori altri. Vedremo se riuscirò a mantenere questa promessa, a non abbandonarla per lasciarmi influenzare dalle ultimissime novità. Prenderò i miei tempi anche per le recensioni, non sempre riesco a scrivere di getto, a volte ho bisogno di riflettere e documentarmi. E non leggerò compulsivamente, non mi interessa, finirei per allontanarmi dai libri. Per me funziona così. Spesso sono infastidita dal passare in fretta da un libro a un altro, sento di non assaporare le pagine e l'atto della lettura in se stesso, finendo per dimenticare persino la trama.
Sono contenta delle miei 62 libri, mi aspettavo di non raggiungere questo obiettivo. In verità non mi sono posta un traguardo, né lo farò quest'anno anche alla luce della considerazioni fatte sopra. Vorrei solo che ci fossero letture più entusiasmanti. Parole d'ordine qualità e curiosità. Cosa leggerò? Prevalentemente narrativa e aggiungerò anche qualche saggio. La poesia, mi dispiace, non fa per me. È difficile spiegarla in primis a me stessa, figuriamoci a chi legge questo blog. Mi rapporto meglio con le dimensioni di più ampio respiro del romanzo e dei racconti. Anzi, dovrei dedicarmi più a quest'ultimi. In A pesca nelle pozze più profonde di Paolo Cognetti ho trovato degli ottimi suggerimenti. Mi sono portata avanti con alcune letture che inizierò a presentarvele a breve, lasciamo giusto far passare gli ultimi giorni di festa. A proposito, nella calza della Befana infilate, oltre a caramelle e cioccolatini, dei bei libri. Sto lavorando a nuove rubriche, una partirà proprio in questo mese, l'altra sto pensando al taglio da dare perché non vorrei ricadere nella semplice recensione. Spero di venirne a capo prima della fine di questo nuovo anno! Esclusi questi due progetti e forse qualcun altro, non ci sono altri obiettivi. Mi auguro di continuare con questa avventura. Alcuni cambiamenti si profileranno tra pochissimo tempo e non cercherò di non perdermi per strada. Vorrei che la mia organizzazione non mi abbandonasse. Magari non riuscirò a pubblicare con molta frequenza, però ci sarò.
Ancora buon anno a chi legge e a chi leggerà questo blog!

11 commenti :

  1. Buon anno a te! Quest'anno per me è imperativo riprendere con la lettura, trascurata soprattutto per mancanza di tempo. Ho anche io una bella lista, ma spero di trovare nuovi suggerimenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Magari suggeriscimi qualcosa se leggi qualcosa di entusiasmante. :)

      Elimina
  2. Attendiamo tutte le novità, il 2015 si prospetta un anno interessantissimo! ;-)

    RispondiElimina
  3. Condivido appieno la tua idea di non leggere compulsivamente, di non passare da un libro all'altro in fretta, quasi con ansia, come se leggere fosse una gara. Non sono mai riuscita a leggere così tanti libri in un anno, certo a volte mi piacerebbe riuscire a farlo di più, ma, come te, credo di preferire leggere "meglio". Ce lo meritiamo!
    Sono curiosissima di scoprire le tue novità e ti faccio un in bocca al lupo per tutto. Non ti perderai per strada, ti controllo ;)

    PS: ho ordinato dal mio libraio di fiducia "Il poeta dell'aria" (visto che nelle librerie più grandi non lo trovavo!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Norma, come hai già scritto tu, non ha senso. Non vogliamo soffrire di bulimia letteraria, ma ci meritiamo qualità!
      Poi mi dici per Il poeta dell'aria, sono certa che sarà un bell'incontro il vostro.

      Elimina
  4. Ciao ho scoperto il tuo blog proprio oggi tramite il tuo profilo istagram. Mi piace molto e credo che passerò di qua molto spesso.Quest'anno ho partecipato ad un corso di scrittura e mi sono resa conto di quanto sia importante prima di voler scrivere, avere un bel bagaglio di letture. Buon 2015!Chiara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gazzè Silvestri Fabi cantano, non a caso, Chi vuole scrivere impari prima a leggere nella loro Come mi pare. È importante, affidarsi solo al proprio talento non basta. E non riguarda la giusta grammatica, ma qualcosa di più profondo.
      Sono curiosa di sapere come è andato il corso.
      Comunque benvenuta!

      Elimina
  5. Anch'io non amo leggere raccolte di poesia (qualcuna singola sì, ma di autori italiani - per coglierne la sonorità - e rigorosamente poeti patentati). Avremo probabilmente incontri libreschi differenti, ma sono sempre attenta agli spunti che offri con le tue recensioni, e magari troverò qui qualche volume che faccia al caso mio. Buon anno e buonissime letture, ovunque ti portino i sentieri letterari! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In qualche modo ci incontreremo... anche solo stimandoci.
      Buon anno cara Athenae!

      Elimina
  6. Buon 2015 pieno di letture! Non riuscirò a leggere tanto quanto te ma anche nei miei progetti per il 2015 c'è una pila con libri che aspettano solo di essere letti :-)

    RispondiElimina

L'editore del mese: Topipittori

Questo mese si parla di storie di Natale