mercoledì 11 febbraio 2015

Bibliofilia, libri che parlano di libri

C'è un tag che ritrovo spesso su Instagram, #librisuilibri ( e ve lo riporto così com'è), non so quanto sia diffuso ma a me ha fatto accendere una lampadina. Certo, non inventerò nulla di nuovo. Da qui è venuta l'idea di dedicare una sezione ai libri che parlano di libri: librerie, libri, aspetti del mondo redazionale ed editoriale, biblioteche. Insomma, il libro a tutto tondo.
E saranno saggi, racconti, romanzi, fumetti e, magari, qualche iniziativa, a prendere in mano le redini. Sicuramente, ci sarà una predilezioni per i primi, non per annoiavi, per colmare questa mia carenza. Il blog si occupa, infatti, in prevalenza di narrativa, mi sembra giusto aprire ad altri generi letterari.
Una rubrica mono ma davvero monotematica, un po' come perdersi in libreria o in biblioteca.
Nasce, quindi, senza rulli di tamburi o manifesti Bibliofilia, anche se il termine indica lo spasmodico desiderio di possedere opere antiche o rare, rimaniamo fedeli all'etimologia e ci accontentiamo di amore per i libri. Avrei potuto assegnarli quel tag che circola sui social, ma pensavo di farle un torto. Alla rubrica, dico, per la necessità di caratterizzarla e di renderla unica.
Ho già recensito due libri che potrei far rientrare almeno idealmente in questo, spero, lungo elenco: Non avere paura dei libri di Christian Mascheroni e Mendel dei libri di Stefan Zweig. Vi consiglio di procurarveli nel caso in cui non li abbiate già letti.
Il primo titolo che a breve vi proporrò è di un autore americano. Per il resto taccio.
Ah, i suggerimenti sono sempre ben accetti.

16 commenti :

  1. Ottima idea. A me piacciono molto i libri che parlano di libri, per cui ti seguirò con interesse e molto moltissimo volentieri :)

    RispondiElimina
  2. Mi piace molto questa tua nuova rubrica e ti confesso che anche io spesso ho acquistato e letto libri che parlavano di libri scritti o curati da autori che mai e poi mai avrei letto diversamente...
    Ad esempio Christian Mascheroni l'ho letto e mi è piaciuto un sacco e ho avuto anche la fortuna di intervistarlo e di continuare a parlare di libri e letture!
    "Il primo titolo che a breve vi proporrò è di un autore americano." (cit.) ora da buona american-addicted muoio dalla curiosità di sapere tutto! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con tutta questa suspence spero di deludere la tua attesa!

      Elimina
  3. bella idea :D
    A me sono venuti subito in mente Curarsi con i libri di Berthoud e Elderkin (in italiano a cura di Fabio Stassi) e Una vita da lettore di Hornby, ma ce ne saranno a centinaia di libri sui libri. Non vedo l'ora di scoprirli!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Li annoto subito. E con questo auguro lunga vita ai libri! :)

      Elimina
  4. Mi viene in mente Come un romanzo di Daniel Pennac, tra l'altro con il suo decaogo per i lettori. In fondo, senza lettori i libri non potrebbero essere amati.
    Benvenuta nuova rubrica!

    RispondiElimina
  5. So già che questa rubrica mi piacerà molto :) Sono curiosa di scoprire quale sarà il primo libro di cui parlerai.

    RispondiElimina
  6. Bene, mi permetto di segnalarti dei titoli inerenti nella speranza che possano tornarti utili per questa tua nuova rubrica...
    Come già scritto da Margherita in precedenza, ribadisco Curarsi con i libri di Berthoud e Elderkin (che personalmente ho trovato noiosissimo e con suggerimenti anni luce lontani dai miei gusti) e Una vita da lettore di Hornby (scritto meravigliosamente bene ma purtroppo tra i libri citati sono pochi quelli tradotti in italiano).
    - " A PESCA NELLE POZZE PIU' PROFONDE di Paolo Cognetti (che se non erro hai già trattato)
    - " UNA CERTA IDEA DI MONDO di Alessandro Baricco (un autore che personalmente non leggerei mai e poi mai ma visto che questo parlava di libri l'ho letto e c'ho pure trovato spunti di lettura utili)
    - " HO VISTO IL FILM di Dario Pontuale (una piccola rivelazione per me)
    E infine da amante della letteratura americana non posso che aggiungere "LIBERO CHI LEGGE" della mitica Fernanda Pivano!
    Attendo tue... ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fernanda Pivano me la segno. Posso snobbare Baricco? Non lo sopporto! Odioso come pochi.
      Cognetti è già stato felicemente recensito.
      Ti ringrazio tantissimo. Questa rubrica è sempre aperta ai suggerimenti.

      Elimina
  7. Bella bella questa rubrica :) come sempre sono molto curiosa!

    RispondiElimina
  8. ma tipo anche Piero Dorfles I cento libri che rendono più ricca la nostra vita?
    ad esempio mi è venuto in mente anche un libro di Wislawa Szymborska che si intitola letture facoltative dove raccontava di quei libri che non erano proprio indispensabili da leggere, però era molto carino... anche lì eran libri che son poi caduti nel dimenticatoio...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, hai centrato. Quello della Szymborska me lo segno eccome.

      Elimina
  9. Che bella idea! Sarà una rubrica molto interessante e, come studentessa d'informazione ed editoria, mi potrà certo tornare utile! ;)
    Ti consiglio di leggere Come un romanzo di Pennac, splendida riflessione sulla lettura, e il breve saggio dell'Economist From Papyrus to Pixels sull'evoluzione e il futuro del libro di cui ho anche parlato in un post qualche tempo fa ( http://nerdpartyblog.blogspot.it/2014/10/dal-papiro-ai-pixel-il-futuro-del-libro.html?m=0 ).

    RispondiElimina

L'editore del mese: Topipittori

Questo mese si parla di storie di Natale