venerdì 3 aprile 2015

Dizionario del Bologna Children's Book Fair


Ieri sono andata a Bologna per la fiera dedicata ai libri per ragazzi (30 marzo-2 aprile), la prima volta e penso anche l'ultima. È stata un'occasione d'oro a cui non potevo rinunciare, grazie ai biglietti avuti dalla libreria Hamelin di Bitonto. Che fortuna!

Quindi, sull'esempio del post sul Book pride, mi cimento nuovamente in una cronaca veloce e spero divertente, formulando una sorta di dizionario non cronologico di alcune parole chiave che hanno contraddistinto la visita della fiera.

Addetti ai lavori: Bologna Children's Book Fair è una fiera per chi è del settore, italiani e stranieri. E soprattutto adulti. Il fatto che non coincida mai con il fine settimana scoraggia decisamente il grande pubblico, anche per il costo d'ingresso.
Appunti: ho annotato qualche libro che vorrei leggere. Mi sono lasciata incantare dai titoli e dalle illustrazioni (vedi Libri belli). Preparatevi per i prossimi I piccolini.
Bologna: si veste di sole. Giornata splendida, frizzante al mattino e calda di pomeriggio.
Cataloghi: non molti, anzi pochi. Alcuni mi hanno invitata a guardare il loro sito. Ho fatto, comunque, incetta di segnalibri e cartoline coloratissime. 
Creatività: i libri dei nostri sono davvero belli, ma gli stand migliori sono quelli degli spagnoli, argentini, portoghesi e croati. Inoltre, le esposizioni che accolgono i visitatori sono imperdibili. 
Delusione 1: molti stand, soprattutto stranieri, già a mezzogiorno avevano fatto fagotto ed erano vuoti. Gli italiani no, fino alla fine, lì a lavorare. E poi ci etichettano come fannulloni! C'è da dire che ieri era il giorno conclusivo.
Delusione 2: i grandi editori italiani – Mondadori, Einuadi, Feltrinelli – poveri di libri per bambini, come se li avessero dimenticati a casa. Sono editori votati all'editoria tradizionale, però è un controsenso avere a disposizione spazi grandi ma spogli.
Emozione: sì, più di altre occasioni perché è da poco che mi sono avvicinata alla letteratura per ragazzi e per l'inaccessibilità di Bologna Book Fair.
Guerriglia: come vi dicevo è una fiera per pochi e gli stand sono il “salotto” perfetto per stipulare contratti, cedere diritti per le prossime pubblicazioni. Cose da Borsa.
Libri belli: molti, moltissimi come Atlante della Natura di Danielle Kroll e Kay Maguire (Electa); Biancaneve curato da Enza Crivelli e Tommaso D'Incalci (Uovonero); Febbraio di Lisa Biggi (Lapo); i lavori di Mara Cerri per Orecchio acerbo; tutti i libri di Kalandraka e Topipittori. Ma anche le edizioni estere di Iwasaki publishing, Ediciones Akarà, Planeta Tangerina. Da Logos ho acquistato un libro meraviglioso – Notturno. Ricette dei sogni di Isol – per scacciare gli incubi e riempire la notte di sogni... splendenti.
No picture, please: mancava poco che chiamassero la polizia gli editori angloamericani. Ho scattato tante foto e questi mi hanno costretta a darmi una tregua. Gli altri non hanno battuto ciglio, loro sì. Ci sono di mezzo diritti d'autore, ma i disegni si scorgono appena. Il mio fine è solo documentare, non certo lucrare.
Piedi: un po' indolenziti per il lungo camminare. Ho visto molto, probabilmente non tutto. La fiera è grande e per di più, nel pomeriggio, mi sono concessa un bel giro in città per acquistare il mio tè preferito da Stregate.
Risate: sull'autobus due ragazze giapponesi discorrevano allegramente. Pur non capendo nulla dei loro discorsi, mi hanno allietato il tragitto verso l'evento. Risate contagiose.
Solitudine: ho perlustrato la fiera da sola, la mia amica mi ha abbandonata. In compenso ho conosciuto Valentina di Peekabook (finalmente!).
Sorprese 1: la conferma che si può costruire una bella libreria fatta di cassette, quelle della frutta e verdura per intenderci, che ho trovato da Zoolibri e Settenove.
Sorprese 2: nel cuore della città. Quante volte sarò stata a Bologna? Migliaia. E mai mi sono accorta della famosa libreria Giannino Stoppani, presso Palazzo Re Enzo, che ho avuto modo di conoscere dalla pagine di A scuola con i libri. E poi, alla Salaborsa i bambini hanno spazi per condividere letture e giochi. Dovrebbe essere la norma, non l'eccezione. 

3 commenti :

  1. Che bello il tuo resoconto, Marina!
    Per me che amo l'ordine, poi, un "dizionario" in ordine alfabetico è il massimo: ti avviso fin d'ora che, quanto prima, troverai schemi analoghi anche in Pane per i tuoi denti.
    Ti mando un bacione, insieme ai miei più cari auguri.

    Valeria

    RispondiElimina
  2. La famosa libreria con le cassette della frutta... Interessante, ma credo che tutta la casa debba avere uno stile simile :)
    Non ho capito cosa si intenda per "addetti ai lavori"... Le persone comuni non potevano entrare?

    RispondiElimina
  3. Ciao Marina,
    ebbene sì, FINALMENTE ci siamo conosciute! :)
    Bello il tuo resoconto, concordo sull'evitare l'ultimo giorno di fiera, se si può :)
    A presto!


    Valentina
    www.peekabook.it

    RispondiElimina

L'editore del mese: Topipittori

Questo mese si parla di storie di Natale