lunedì 27 luglio 2015

#bookin(gram)mi 13

#bookin(gram)mi ha fatto il suo primo giro di boa e, con soddisfazione, è pronto per riposarsi. Mi pare giusto.
Credo quasi con certezza di riprendere la rubrica il 21 settembre causa trasloco. Nel frattempo potete postare le vostro foto e magari sbizzarrirvi in vacanza con colori e contesti, così al rientro ci scambieremo opinioni e meraviglia. Quindi postate, postate, postate... libri! E comunque si seguirò durante questo periodo di ferie, so come scovarvi.

Le regole per partecipare (scusate la ripetitività):
1. condividere su Instagram la foto di un vostro libro preferito o che consigliate;
2. motivare la scelta in al massimo cinque righe (NO CITAZIONI, non prendo in considerazione il vostro consiglio);
3. usare i seguenti tag: #bookingrammi, #littlemissbookblog, @little_missbook

Ringrazio le lettrici e qualche lettore, le amiche blogger e su tutti oharakatiescarlett, sari_orlaelba7, le quali hanno sostenuto il progetto con entusiasmo e puntualità.
Riempiamo la valigia di...
ophelinha Got a set a Watchman di Harper Lee (Thomas Nelson Publishing): per scoprire il punto di vista di un'eroina che ho amato tantissimo, Scout Finch, ora che è diventata adulta e deve affrontare la delusione devastante di scoprire che suo padre, il suo punto di riferimento, non è quello che lei credeva.

trisha1209 Atti osceni in luogo privato di Marco Missiroli (Feltrinelli): un romanzo di formazione e liberazione, un libro sui sentimenti, sulla ricerca di se stessi e del proprio posto nel mondo. Libero cresce, legge, scappa, ritorna, attraversa le fasi della vita, passa dalla purezza all'oscenità, esiste e vive i suoi "tumulti privati", trova l'amore - una prima persona plurale - ed infine sente che è accaduto, comincia finalmente ad essere il suo nome.

aizirtap1974 Fiabe lapponi di AA. VV. (Iperborea): l'ho comprato per Natale e l'ho letto adesso, in estate. Mi e' piaciuto leggere dei miti e dei personaggi fantastici che fanno parte della storia del popolo sami, così lontani dal nostro immaginario in materia di fiabe. Eppure sento che piacerebbe molto anche ai nostri piccoli. Soprattutto dove le fiabe hanno una valenza di insegnamento e di monito.

sari_orla Un polpo alla gola di Zerocalcare (Bao Publishing): mi piace Zerocalcare perché ha un modo tutto suo di esprimere le paure e i pensieri di un'adolescenza che non ci abbandona mai, neanche quando ci sembra di essere finalmente diventati grandi, come se fosse un polpo alla gola.

oharakatiescarlett Le piccole virtù di Natalia Ginzburg (Einaudi): questi scritti sono piccoli regali che Natalia Ginzburg ci fa. Alcuni possono piacere di più, altri meno, ma non per questo non sono autentici e vivi. Ritratto di un amico, dedicato a Cesare Pavese, è quanto più può esserci di meraviglioso in una descrizione.
elba7 Il mio nome è Asher Lev di Chaim Potok (Garzanti):  è il terzo libro di Potok che leggo ed è una conferma di quanto io apprezzi questo scrittore, capace di raccontare, con una scrittura moderna, un contesto sociale tradizionale come può essere quello degli ebrei chassidici. L'atmosfera newyorchese, vagamente alleniana, fa il resto. La capacità straordinaria, di Potok nel descrivere ambiente e personaggi ti permette, non solo di identificarti, ma quasi di confonderti con la scena, di sentire i profumi della cucina kosher, ammirare i rituali di preghiera, passeggiare per le strade della New York ebraica sperando di incontrare anche gli altri personaggi di Potok: Danny l'eletto e il suo amico Reuven.

frencina Ho pensato che mio padre fosse Dio di Paul Auster (Einaudi): quello modo migliore di conoscere un paese, se non attraverso le voci di chi in quel paese vive? Se poi aggiungiamo che sono magistralmente orchestrate da un grande scrittore, il risultato non può che essere magnifico. 

angelagiadagaetano  Ricominciare a Parigi di Corine Gantz (Sperling & Kupfer): sembra quasi di camminare per i boulevards di Parigi,di assaporare i piatti provenzali preparati dalla protagonista e di sentirne il profumo.
 kahlan87 Sulla strada di Jack Kerouac (Mondadori): ormai l'estate è arrivata. In molti si preparano alla partenza verso luoghi esotici. Non tutti, però. Ma noi lettori sappiamo bene che esiste un altro modo per viaggiare. Questo libro ne è un esempio.

4 commenti :

  1. (alla fine arrivo pure io, anche se perennemente in ritardo, come mio solito)
    Buone vacanze calabresella!
    (E tanta comprensione per il trasloco: io lo sto odiando)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A chi lo dici. Ad ogni scatolone da riempire dico: ma tutta questa roba da dove sbuca?
      Buone vacanze anche a te!

      Elimina
  2. Buone vacanze,buone letture e buon trasloco allora!

    RispondiElimina

L'editore del mese: Topipittori

Questo mese si parla di storie di Natale