giovedì 15 ottobre 2015

Va tutto bene di Alberto Madrigal

Va tutto bene di Alberto Madrigal (Bao Publishing) è un bel graphic novel che fa pensare. Mi sono ritrovata in ogni pagina, pensiero, ostacolo, quasi a immedesimarmi. A fine lettura mi sono sentita un po' più accartocciata.
Si parla di un tema non banale, di lavoro durante questa crisi economica e soprattutto dello smarrimento di una generazione in un'epoca in cui tutto è accessibile ma irraggiungibile, fino ad essere costretti ad abbandonare la propria terra di origine per non vedere spegnersi le ultime fiamme della speranza.
I colori tenui rimarcano la scia malinconica e amara; i dialoghi asciutti e i tempi sospesi non fanno che acuire queste sensazioni. Madrigal lascia porte molte aperte su queste pagine per sibilare un messaggio coraggioso. 
Sara è alle prese con il suo ennesimo tentativo di liberarsi di un lavoro che non la soddisfa per realizzare il suo progetto del momento, un'idea rivoluzionaria. Daniel, l'amico più caro, non è per nulla convinto di ciò che le frulla in testa ma Sara è pronta a dare anima e corpo in un'impresa che impiega tempo e denaro. Parallelamente, Daniel vive il dramma del licenziamento e dei sogni infranti, su tutti la musica e forse il desiderio di un figlio. 
Sono due protagonisti opposti, due facce della stessa medaglia: Sara sprigiona energia e non si arrende inconsapevole dei rischi; Daniel è assillato da dubbi concreti, patisce per rimorsi e ambizioni ridimensionate, ha lo sguardo disincantato di chi non vede più l'orizzonte.
Euforia, scoraggiamento, fatica, delusione sono tutti i sentimenti che gravitano intorno alle idee più ardite e alle relazioni. Perché anche queste ultime sono messe a dura prova, quando le difficoltà si fanno più aspre viene a mancare il sostegno degli amici e dei familiari.
Va tutto bene è una storia interessante, attuale anche se le vicende dei personaggi sono poco definite nel passato e nel presente. Il futuro, si sa, è tutto da riscrivere, non è possibile prevederlo. 
La battuta iniziale è folgorante: «Qui tutti hanno un progetto». Si arriva a Berlino, nella città che si evolve continuamente, la capitale dell'Europa, con un fagotto di desideri da realizzare. Berlino è discreta di albe e notturni, silenziosa nelle sue vie nascoste, densa di vita nei suoi club e nei bicchieri di birra fino a diventare da contesto a personaggio. Nei suoi cieli spenti aleggiano i sogni di chi li accantona per la stabilità e di chi è alla continua attuazione sprezzante del pericolo.
Alla fine, forse, ciò che conto è provarci nel bene e nel male per non vivere di rimpianti, bisogna saperle cogliere tutte le opportunità, crearle eventualmente. Ma soprattutto crederci. Fino in fondo. 

Titolo: Va tutto bene
Autore: Alberto Madrigal
Editore: Bao Publishing
Pagine: 128
Anno di pubblicazione: 2015
EAN: 9788865434772
Prezzo di copertina/ebook: € 16,00 - € 7,99

3 commenti :

  1. "Va tutto bene" è una frase rassicurante, capace di calmare... è incoraggiamento e dolcezza, mi fa pensare ad una mano su una spalla, a due occhi che ti guardano dritto con comprensione e a un cielo che pian piano torna azzurro...

    RispondiElimina
  2. Ti ringrazio per la segnalazione, perchè lo tenevo d'occhio da un po' (copertina favolosa, tra l'altro...) e ora ho un parere positivo in più! :)

    RispondiElimina

L'editore del mese: Topipittori

Questo mese si parla di storie di Natale