martedì 24 novembre 2015

I piccolini - Alfabeto delle fiabe di Antonella Abbatiello e Bruno Tognolini

«Di fronte ai compiti che appaiono infiniti, gli umani operosi hanno un loro sistema geniale: partire dall’inizio», esordisce così Alfabeto delle fiabe di Bruno Tognolini e Antonella Abbatiello (Topipittori), un albo intriso del magico mondo della fantasia. Esempio lampante, nonché argomento del libro, è l'incipit delle fiabe “C'era una volta...”: si riavvolge il nastro e si parte per una nuova avventura ogni volta più affascinante.
Come indica il titolo, il libro è un abbecedario molto speciale: per una volta api e birilli sono messi da parte per animare pagine di parole antiche. Ad ogni lettera corrisponde un oggetto-simbolo delle fiabe: A come anello, B come bambino, B come castello e poi enigmi, orchi, streghe, labirinti… dalla A alla Z, una collezione di simboli, personaggi e situazioni legati all'immaginazione.
L'acca racchiude il senso del libro, il trinomio di voce-ascolto-scrittura:

H come Hocus Pocus


Hocus Pocus, Abracadàbra
Parole dette con magiche labbra
Apriti Sesamo, Satanalèppe
Lettere zitte, parole zoppe
Sìm Salabìm, Gogamagòga
Formula magica, parola maga
Lettera muta, la più potente
Che dice tutto senza dire niente
Il cielo cade, la terra si spacca
Se tu pronunci una H


Solitamente, come oggetto di studio, prevale il filone più europeo della fiaba con i grandi Perrault, Andersen, Grimm. Questa volta è stata analizzata la frequenza degli elementi caratteristici in alcune delle Fiabe italiane di Italo Calvino, come documenta la tavola sinottica nel risvolto della copertina curata da Anna Maria Di Giovanni della Biblioteca Centrale Ragazzi di Roma. Dalla combinazione di questi elementi, capisaldi dei racconti orali, nasce un alfabeto del mondo.
Bruno Tognolini ha attinto dall'inesauribile patrimonio culturale delle fiabe le sue filastrocche, un richiamo alla narrazione e al mondo dei sentimenti dei bambini come la paura, il pericolo, la gioia. L'autore ha sguinzagliato nei versi le parole chiave che avranno preminenza nell'abbecedario, enfatizzate da quell'ora che chiude il componimento.
Le figure di Antonella Abbatiello sono essenziali, a tratti spigolose, e sature di colori. Le sfumature toccano a chi legge, arricchendo così una strada tracciata.
Le filastrocche seguono storie già udite in un vorticare di musicalità, il ritmo semplice di un racconto svela i tanti rimandi e in un gioco che non finisce mai.

Dopo la zucca ritorna l’anello
Dopo la zeta non è mai finita

Perché la fiaba è una zucca
che sfama la vita.


Titolo: Alfabeto delle fiabe
Autore: Antonella Abbatiello, Bruno Tognolini
Editore: Topipittori
Pagine: 32
Anno di pubblicazione: 2012
EAN: 9788889210826
Prezzo di copertina: €14,00
Età di lettura: dai 4 anni

Nessun commento :

Posta un commento

L'editore del mese: Topipittori

Questo mese si parla di storie di Natale